logo

Via IV Novembre, 3

32040 Vigo di Cadore (BL)

info@caivigodicadore.it

Seguici anche su:

Soccorso Alpino CNSAS
logo

Via IV Novembre, 3

32040 Vigo di Cadore (BL)

[giorno]

[ora]

[giorno]

[ora]

info@caivigodicadore.it

0435 77363

Seguici anche su:

Soccorso Alpino CNSAS

CAI Sezione di Vigo di Cadore

 

Formazione storica CAI Vigo di Cadore

Formazione storica CAI Vigo di Cadore

Fondata nel 1973, la Sezione CAI di Vigo di Cadore ha saputo valorizzare in Oltrepiave tanti itinerari legati alla Grande Guerra e alle antiche pratiche silvo-pastorali promuovendo così la conoscenza del territorio anche dal lato naturalistico. La grande avventura sezionale è stata intrapresa nel 1973 grazie a uno sparuto gruppo di appassionati di montagna che tanto ha promosso e tanto ha fatto che, in poco tempo, i soci sono diventati 120. Un numero ragguardevole per una sezione di montagna. Il primo presidente è stato Gian Claudio Giannina. Nel 1976 gli subentrò Giannantonio De Donà Vicare, che ha guidato la sezione per quasi un ventennio. Dopo De Donà Vicare è stata la volta di Enzo Da Rin Zanco e quindi Gianfranco Martini.

Lo scopo primario prefissato fin dall’inizio è stato quello di valorizzare la catena Tudaio-Brentoni che, in seguito all’abbandono progressivo delle superstiti attività silvo-pastorali e al venir meno degli interessi militari, si trovava nella singolare situazione di non aver conosciuto né i successi turistici, né tantomeno i relativi eccessi di altre zone vicine e più famose.

E’ stato così che dal 1973 gli appassionati di Vigo, con un oscuro lavoro che ha occupato la gran parte del loro tempo libero, iniziarono a valorizzare itinerari vecchi e nuovi, raggiungendo obiettivi davvero notevoli. Per primo è stato riaperto il “sentiero dei Mede” che sale al Tudaio dalla Val de Ciariè, poi è stata riadattata la vecchia “strada de le fede” (o “truoi de le lavine”) da Forcella Starezza fino a Camporosso, verso l’altipiano di Casera Razzo. Lavori che hanno fatto davvero tanti proseliti, soprattutto tra i più giovani, tanto che alle uscite domenicali hanno partecipato anche 80 persone, con gran soddisfazione di tutti. Nel 1978 è partito il progetto più ambizioso: la costruzione del bivacco “Spagnolli” al Ciadin Alto, a 2047 metri di quota, sul sito di una vecchia baracca di guerra del 1916. La struttura, dotata di 15 posti letto e ben attrezzata, è stata portata a termine e inaugurata nel settembre del 1985.

Da subito è stata utilizzata da escursionisti di ogni provenienza. Nel 1988 e negli anni seguenti sono stati aperti e sistemati altri sentieri, con la posa di molte tabelle segnaletiche, mente località e percorsi sono stati poi censiti e segnalati su un’accurata cartina topografica destinata a turisti e locali. Alla fine degli anni ’80 è stata ventilata l’idea di realizzare un nuovo bivacco, di 40 metri quadri e 12 posti letto, sulla vetta del Tudaio, utilizzando i ruderi del magazzino del vecchio forte. Un progetto accolto con interesse dagli escursionisti e dagli appassionati di un turismo evoluto e attento alla storia, soprattutto in prossimità del centenario della Grande Guerra 1915-18…

Walter Musizza – Giovanni De Donà